Come Svendiamo il Nostro Potere Personale

[vc_row][vc_column][vc_empty_space height=”20px”][/vc_column][/vc_row][vc_row][vc_column][vc_column_text]

indice-curvato

 

Ci sono molti modi in cui svendiamo il nostro potere personale.

Il Potere è Energia e le nostre mani sono sensibili canali energetici che riflettono accuratamente dove disperdiamo la nostra energia o dove invece ci ricarichiamo.

Quando svendiamo il nostro potere, la mano ce lo mostra con degli indicatori di stress: per esempio un dito indice curvato o storto, o una linea del cuore che termina curvando in basso verso la linea della vita e la oltrepassa e altri segni ancora.

Talvolta questi segni compaiono sulle impronte digitali e in tal caso indicano che non si tratta di eventi accidentali e contingenti, ma piuttosto di questioni che hai scelto di affrontare per una vita intera.

 

Svendiamo il nostro potere:

  • quando non riusciamo a dire di “no”
  • quando mettiamo la nostra vita nelle mani degli altri
  • quando “salviamo” gli altri togliendogli la possibilità di scoprire il loro potere personale
  • quando dubitiamo di noi stessi
  • quando cerchiamo di passare inosservati
  • quando non diciamo quello che vogliamo veramente dire
  • quando cerchiamo di far felici tutti gli altri
  • quando permettiamo che qualcuno ci intimidisca
  • quando non riusciamo a farci rispettare
  • quando la nostra autostima dipende dagli altri
  • quando permettiamo alle altre persone di interferire nella nostra vita
  • quando ci perdiamo nelle vite degli altri e nei loro bisogni e drammi

 

Il primo passo per affrontare questi temi è diventare coscienti di quando svendiamo il nostro potere e di come questo schema si ripeta nella nostra vita.

La Lettura Olistica della Mano può aiutarti a riconoscere questi schemi e a identificare le risorse alle quali puoi accedere per invertire la tendenza.

Scoprendo magari delle doti particolari che ti appartengono ma delle quali non sei completamente consapevole.

 

Liberamente adattato da handanalysisonline.com di Jena Griffiths

[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]