I fattori di stress: origine e indicatori

I fattori di stress: origine e indicatori

2 Aprile 2021 0 Di Anand

L’origine dei fattori di stress nella nostra vita, il perché e cosa possiamo fare al riguardo.

Quando una o più linee si estendono nella mano a partire dall’interno del palmo poco sotto il punto d’inizio della linea della vita e appena sopra l’attaccatura del pollice, ecco che abbiamo degli indicatori di stress.

Queste linee sono chiamate anche “linee d’attacco”, perché indicano un settore della nostra vita che è sotto attacco .

O ancora “linee di opportunità”, perché nel diventarne consapevoli abbiamo l’opportunità di fare un passo avanti nella conoscenza dei nostri processi interiori. Se queste linee sono poche o tante, e quanto profondamente sono incise nel palmo, ci dà la dimensione del livello di stress che stiamo vivendo e una chiave per capirne l’origine .

Le linee d’attacco hanno origine nella zona di Marte

Sono le linee colorate che originano dalla cosiddetta zona di Marte, compresa tra l’inizio della linea della Vita e l’attaccatura del pollice, con un andamento diagonale/trasversale e un punto terminale che ci indica in quale specifica area della nostra vita si ripete un determinato squilibrio che è all’origine di vari fattori di stress.

Si tratta di linee che compaiono in misura maggiore o minore in ogni mano, anche in quelle dei bambini. In quest’ultimo caso, di solito le linee riflettono fattori di stress che i bambini inconsciamente assimilano dai genitori.

Lunghezza e qualità delle linee ci indicano quanta energia impieghiamo nel tentativo di controllare quella sorgente di stress.

L’archetipo di Marte

Possiamo capire meglio la natura di questi indicatori di stress esaminando l’archetipo mitologico romano del dio Marte. Conosciuto come il dio della guerra, veste costantemente una specie di armatura ed è sempre pronto a entrare in battaglia. Quando s’appassiona a una causa, eccolo che può diventare aggressivo nella sua rabbia. Al femminile, questo archetipo è personificato da figure come Giovanna d’Arco e Diana/Wonder Woman.

Ad esempio, una linea d’attacco che attraversa il tuo palmo e termina sotto l’anulare (dito di Apollo) può indicare un’incombente paura di rifiuto o disapprovazione rispetto a qualcosa che hai creato o intendi manifestare.

Potresti essere su un palcoscenico per una esibizione o davanti a un microfono per tenere un discorso, ed ecco che ti coglie un attimo di panico e per andare avanti devi fare ricorso a tutte le tue riserve di coraggio.

Ecco perché talvolta queste linee sono chiamate anche “linee del coraggio” in quanto rappresentano una chiamata a modificare uno squilibrio e questo di norma richiede una certa dose di coraggio.

La conoscenza del significato associato ai differenti punti dove le linee terminano fa emergere le radici dei conflitti in essere e ci fornisce quindi l’opportunità per liberare energie bloccate.

Le parole chiave per queste linee sono: Conflitto, Lotta, Aggressione, Opportunità, Coraggio, Determinazione.

Positivo e Negativo

L’aspetto positivo di queste linee è quindi quello di evocare la consapevolezza e il coraggio necessari per dissolvere illusioni e lasciar andare i condizionamenti, ovvero per il nostro processo di crescita interiore.

Mentre l’aspetto negativo è rifiutare di vedere e di assumerci la responsabilità per qualcosa che stiamo attraendo/creando noi stessi, pagandone quindi le conseguenze in termini di malessere e sofferenza.

Le parole chiave a seconda dell’area o del dito sotto il quale c’è il punto in cui la linea termina:

  • il Medio – Saturno: Sicurezza
  • l’Anulare – Apollo: Rifiuto, Disapprovazione
  • il Mignolo – Mercurio: Intimità, questioni di Fiducia
  • Area Plutone: Rabbia, Frustrazione
  • Area Luna: Isolamento

Nei post successivi esamineremo tutti questi punti in dettaglio.

Questo articolo è una Rielaborazione da AcademyofHandAnalysis.org di Kay Packard.

Appartiene inoltre a una serie nella quale approfondisco i temi del mio mini Corso Zoom “Guardati nello specchio delle tue mani”. Trovi i particolari e lo streaming su OshoExperience.it.